Educare è un compito e un gesto che necessitano di molte solidarietà,
di ampi confronti, di pluralità di luoghi, di scelte socializzate, di tanti interlocutori
e soprattutto di tante competenze.

Sergio Spaggiari

Filosofia

Linguaggi, creatività e relazione: i valori di riferimento del Nido Scuola Totem

Nido Scuola Totem è un luogo dove si fa educazione che valorizza competenze, conoscenze e saperi, proponendo un progetto educativo dinamico e aperto al dialogo, pensato su un’idea di bambino dalle intelligenze multiple e portatore di 100 e più linguaggi.

  • IDEA DI BAMBINO: come soggetto attivo, ricercatore e costruttore di conoscenze nella relazione con l’altro, protagonista dei processi di apprendimento;
  • 100 LINGUAGGI: un bambino curioso, desideroso di conoscere il mondo nel quale comunica con i suoi 100 e più linguaggi nelle loro molteplici espressioni e interconnessioni;
  • ATELIER e presenza di un’INSEGNANTE ATELIERISTA: spazio di incontri e sperimentazioni molteplici che sollecitano e sostengono i diversi linguaggi espressivi e simbolici dei bambini;
  • RUOLO DELL’ADULTO: come soggetto che riconosce e ascolta i 100 linguaggi dei bambini, valorizza le diverse soggettività nella relazione con il gruppo, costruisce contesti sensibili che favoriscono l’apprendimento dei bambini;
  • COMPRESENZA DEGLI INSEGNANTI: un tempo condiviso per attivare modalità di ascolto sensibili nei confronti delle diverse soggettività nel rispetto dei tempi di ciascuno;
  • FORMAZIONE CONTINUA: formazione permanente di tutto il personale come crescita soggettiva e di gruppo in una logica di autoformazione e di scambio con altri soggetti;
  • COORDINATORE PEDAGOGICO: figura di sistema garante della qualità educativa che intreccia il piano organizzativo, di funzionamento, gestionale, pedagogico, formativo, partecipativo. Si interfaccia con il territorio con uno sguardo aperto alla contemporaneità;
  • COLLEGIALITA’: come stile di lavoro che accoglie il punto di vista dell’altro, in una logica di confronto, scambio e dialogo;
  • PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE: come parti integranti del progetto educativo dove condividere sensi e significati dell’educare in un’ottica democratica e di corresponsabilità educativa;
  • AMBIENTE, SPAZI, RELAZIONI: intesi come contesti di continua esplorazione e ricerca, luoghi di vita, dove prendono forma relazioni, pensieri, idee, apprendimenti;
  • DOCUMENTAZIONE; come strategia di pensiero che testimonia e rende visibili i percorsi e i processi di apprendimento dei bambini;
  • CONTINUITA’: un progetto 0/6 che si colloca all’interno della cultura dei servizi del territorio che valorizza il tempo della crescita di ciascuna soggettività;
  • LINGUA INGLESE: apprendimento di una seconda lingua come opportunità giocosa e avvio alla formazione di una mente flessibile, aperta al mondo e accogliente nei confronti del nuovo e del diverso.